(Roma, 29 Settembre 2016) Dalla Legge 154/2016 (collegato agricolo), ai vari ultimi decreti sui piccoli pelagici in Adriatico, pesce spada, misure tecniche, adeguamento della potenza motrice delle imbarcazioni, per finire con gli apparati di controllo, diverse sono le tegole cadute sulla testa dei pescatori negli ultimi mesi; lo testimonia il crescente disagio che si registra nelle marinerie che può trasformarsi in tensione e protesta. Sono tegole che presentano pesi e spigoli che sarebbe stato possibile alleggerire e smussare con un maggiore confronto;questo è ciò che torniamo oggi a sollecitare con forza, certi di trovare nel Governo un interlocutore attento e sensibile. Occorre esplorare ogni possibilità di revisione e correzione dei vari provvedimenti che nell’insieme stanno deteriorando il clima della pesca italiana, intorpidendolo e complicando il cambiamento”. E’ quanto affermano Giampaolo Buonfiglio, Paolo Tiozzo, Angelo Petruzzella, per l’Alleanza delle cooperative italiane settore pesca.

Cliccare qui per scaricare il comunicato

(Roma, 28 settembre 2016). “Il risultato raggiunto oggi sulla Cina permette al settore suinicolo del nostro Paese di accedere ad un mercato estremamente significativo e può consentire di cogliere opportunità importanti per un comparto interessato da anni da una situazione di particolare difficoltà. Ringraziamo il ministro Martina, unitamente al Ministero della Sanità e all’Ambasciata italiana in Cina, per il lavoro svolto che ha consentito di conseguire questo importante traguardo”.

cliccare qui per scaricare il comunicato

Roma (27-09-2016) “Le ultime disposizioni attuative per l'accesso alla CIGS stanno creando notevoli disagi e tensioni nelle nostre marinerie. Oltre ai problemi legati alla consueta insufficienza delle risorse a disposizione ed all'assenza di ammortizzatori a partire da gennaio 2017, quest'anno si aggiunge anche l'esclusione di alcune figure di imbarcati che troppo frettolosamente sono stati considerati "datori di lavoro" e quindi privi della qualifica richiesta.

Cliccare qui per scaricare il comunicato