Buonfiglio sottoscrive la piattaforma di coordinamento regionale "Friends of Small Scale Fisheries" Il Medac (Consiglio Consultivo Regionale per il Mediterraneo), organismo consultivo della Commissione Europea presieduto da Giampaolo Buonfiglio, è stato premiato come Organizzazione "Best Practice" oggi a Malta nell'ambito della Conferenza di alto livello sulla piccola pesca sostenibile in Mediterraneo e Mar Nero, indetta dalla CGPM-FAO con la partecipazione dei governi della regione, il supporto finanziario della CE e la collaborazione del WWF. Nel corso dei lavori, Buonfiglio ha sottoscritto la piattaforma di coordinamento regionale "Friends of Small Scale Fisheries". Presente per il Governo Italiano il Sottosegretario di Stato con delega alla pesca Franco Manzato.  

Roma, 19 settembre 2018 – Una buona annata con quantitativi nella norma e punte qualitative di grande interesse. Questo il quadro delle previsioni produttive della vendemmia 2018 che dovrebbe attestarsi su un quantitativo di 49,4 milioni di ettolitri (in linea con la media degli ultimi cinque anni), che è emerso dalle ultime rilevazioni sull’andamento delle uve vinificate nelle varie regioni italiane rese note oggi nel corso della riunione del Coordinamento Settore Vino dell’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, che rappresenta il 58% di tutta la produzione vitivinicola nazionale.

cliccare qui per scaricare il comunicato

Bologna, 8 settembre 2018 - La filiera biologica italiana continua a crescere e a godere di ottima salute grazie alla crescita dei comportamenti eco-sostenibili dei consumatori; in questo ambito le tendenze di consumo premiano l’ortofrutta, che si conferma il comparto biologico più apprezzato dagli italiani. Il valore complessivo delle vendite di ortofrutta biologica sfiora i 400 milioni di euro.

 

cliccare qui per scaricare il comunicato

Bologna, 7 settembre 2018 – L’agroalimentare biologico italiano è sempre più cooperativo. Il 25% del valore della produzione biologica italiana è infatti in quota alle centinaia di imprese cooperative agroalimentari che hanno visto consolidare negli ultimi anni la loro quota di mercato sia nella produzione primaria (con picchi del 30-40%) che in quella trasformata”.

cliccare qui per scaricare il comunicato