generale

(Roma, 20 luglio 2017) “È un segnale forte di attenzione verso le cooperative e le imprese attive nella pesca del pesce spada, messe a rischio dalle logiche europee di ripartizione delle quote, che favorirebbero un + 30% di import di prodotto proveniente soprattutto da Tunisia e Marocco. Per questo apprezziamo l’annuncio fatto dal Sottosegretario Castiglione dell’emanazione di un decreto ministeriale che aumenta dell'8% per l'Italia il contingente massimo di cattura

Cliccare qui per scaricare il comunicato

(Roma, 18 luglio 2017) L’Alleanza delle Cooperative pesca esprime soddisfazione per l’approvazione dell’emendamento che estende al settore ittico gli interventi previsti nel DL Mezzogiorno, con la misura Resto al Sud”, rivolti ai giovani imprenditori tra i 18 e i 35 anni, per promuovere la costituzione di nuove imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia.

Cliccare qui per scaricare il comunicato

Cliccare per scaricare decreto 16162 del 13/07/2017  Graduatoria_Parziale  lista_domande lista_domande_archiviate  lista_domande_non_ammissibili  lista_domande_non_ricevibili

(Roma, 11 luglio 2017) “La pesca può rappresentare una concreta opportunità di lavoro per tanti giovani Neet (i giovani che non studiano e non lavorano), soprattutto al sud. Per far questo è indispensabile un turnover generazionale, che consenta al settore di stare al passo con le sfide di un mercato sempre più globalizzato.

Cliccare qui per scaricare il comunicato

(Roma, 10 luglio 2017) La Commissione europea mette nero su bianco, nella proposta di regolamento presentata al Consiglio, la ripartizione delle quote di pesca per il pesce spada, assegnando all’Italia 3723,36 tonnellate annue, cinquecento tonnellate in meno rispetto alla produzione registrata dall’Italia negli ultimi anni. Lo rende noto l'Alleanza delle Cooperative pesca preoccupata per lo scenario che si va delineando.

Cliccare qui per scaricare il comunicato